Torna a tutti gli Eventi

BALLETTI RUSSI DALL'OPERA DI PARIGI

BALLETTI RUSSI

DALL’OPERA DI PARIGI

Fondati nel 1909 dal genio di Sergej Diaghilev, critico d’arte e impresario teatrale, i Balletti Russi, furono la più rivoluzionaria compagnia del XX secolo: danza, musica, arte e moda fusi insieme in questa incredibile officina artistica, espressione della collaborazione di grandi nomi delle avanguardie del Novecento, da Debussy a StravinskijPicassoMatisseNijinsky e Fokin. L’idea alla base del progetto era trascendere l’arte di una singola disciplina per raggiungere un linguaggio universale del corpo.

Questo omaggio riunisce quattro balletti di diverse epoche che rivelano un’inaspettata varietà di ispirazioni, dall’inebriante romanticismo de Lo spettro della rosa all’erotismo sfrenato de Il pomeriggio di un fauno, dalle tragiche festività di Petrushka al sottile gusto spagnoleggiante de Il cappello a tre punte. Quattro opere fondamentali che riuniscono l’élite artistica del tempo – coreografi, pittori e musicisti – riproposte ora nelle ineguagliabili coreografie originali. L’ensemble di balletti proposto rende il meritato risalto alle impeccabili qualità tecniche ed interpretative delle étoiles, Primi Ballerini e Corpo di Ballo dell’Opéra di Parigi.

Lo Spettro della rosa con la musica di Weber e la coreografia di Fokin è di incantevole bellezza. L’étoileMathias Heymann, eccezionale nel ruolo dello spettro, vola con eleganza sulla bella addormentata,Isabella Ciaravola, attirata dalla presenza estranea del sogno sia mascolina che femminea. I costumi meravigliosi richiamano il desiderio: lo spirito della rosa e la giovane fanciulla ballano fino all’ebrezza.

Il pomeriggio di un fauno di Debussy, e prima coreografia di Nijinskij, ci trasporta nella Grecia arcaica. La messa in scena si ispira a un dipinto di un antico vaso greco, con i danzatori che attraversano il palcoscenico con testa e gambe di profilo, mentre le braccia e il corpo sono rivolti verso la sala, come in un bassorilievo. Il giovane fauno è Nicolas Le Riche la cui spiccata verve esprime delle sfumature quasi animalesche, con le quali affascina allo stesso tempo sia la sua giovane preda sia il pubblico degli spettatori.

Dalla Grecia antica si spazia alla Spagna del XVIII secolo con Il cappello a tre punte di Massine, in cui le étoiles José Martinez et Marie-Agnès Gilot danzano come i gitani dei balli folcloristici insieme a tanti altri ballerini e costumi sontuosi, rievocando la tipica ambientazione festosa e vivace tipica delle feste andaluse.

Il meraviglioso repertorio si conclude con l’immaginario russo rappresentato efficacemente dal balletto Petrushka di Fokin e dalla musica sublime di Stravinskij. Le marionette si animano in una pantomima senza mai perdere la loro essenza di marionette di teatro. Sia la magica interpretazione della marionetta russa Petrushka di Benjamin Pech sia la superba interpretazione di Clairemarie Ostia  nel ruolo della Ballerina contribuiscono ad accentuare l’areola di eccezionalità di questo balletto.

Evento Precedente: 10 aprile
BAUHAUS SPIRIT - 100 ANNI DI BAUHAUS
Evento Successivo: 15 aprile
IL MUSEO DEL PRADO - La corte delle meraviglie